Pagina Principale
Biblioteca
Eventi
Museo
Civiltà Contadina
Il Notiziario
Turismo
Recensioni
Foto
Guestbook
Links
Contatti
Credits

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

Biblioteca Partner del Sistema Bibliotecario dei Laghi

Archivio News (Biblioteca)
Il Notiziario di Aprile 2009
18/04/2009 @ 13:20 da Carlo.
È in distribuzione in questi giorni, a tutti i residenti il numero di Aprile 2009 de "Il Notiziario ...

leggi»

Il Notiziario di Dicembre 2008
18/12/2008 @ 19:20 da Carlo.
È in distribuzione in questi giorni, a tutti i residenti il numero di Dicembre 2008 de "Il Notiziari...

leggi»

Archivio News (Altre News)
Mercatino della Solidarietà a Brinzio
06/12/2008 @ 14:59 da Carlo.
La manifestazione si svolgerà dalle ore 10 del mattino alle ore 19, all'interno dei cortili più cara...

leggi»

Serate Mondiali a Brinzio
19/09/2008 @ 12:45 da Carlo.
Giovedì 25 e Venerdì 26 settembre 2008 Dalle ore 18.00 alle 24.00 (*) - I Mondiali degli anni passa...

leggi»

Archivio News

Dalla mostra fotografica al progetto del museo

Come è risaputo, il nostro paese è diventato sede di un museo dedicato alla civiltà contadina. Molti di voi si chiederanno da dove ha avuto origine l'idea -giudicata da alcuni un po' ambiziosa- di dotare Brinzio di una struttura permanente che faccia rivivere i tempi andati e che funzioni da memoria storica del paese.
Ebbene, tutto ebbe inizio negli anni '80. In seguito al progressivo deperimento degli oggetti quotidiani del recente passato e alla perdita di gran parte delle tradizioni paesane, si sentì la necessità di "fermare il tempo". Fu così che la Biblioteca Comunale nell'agosto del 1983, organizzò una mostra di fotografie. L'esposizione era composta da circa 250 foto delle dimensioni di 18 x 24 cm. Le foto vennero realizzate riproducendo gli originali messi a disposizione dalle famiglie brinziesi. La rassegna, che riscosse un grande successo e fu replicata nell'agosto dell'anno successivo con altre 300 foto circa, ebbe come oggetto foto di famiglia, immagini di processioni, feste paesane e paesaggi ormai completamente modificati. La gente, soddisfatta da tale iniziativa, portò ancora altre vecchie foto in piazza.
Dopo quattro-cinque anni la raccolta delle testimonianze visive del paese finì. Con le 700 immagini raccolte furono realizzati due archivi: uno conservato presso la Biblioteca, il secondo presso l'archivio parrocchiale. Visto il successo delle manifestazioni precedenti, nel 1985 si decise di esporre su dei tavoli in piazza alcuni oggetti tipici della civiltà contadina. [Per identificare i possessori degli oggetti "in vetrina" si ricorse ad un sistema di etichette che fu molto efficace poiché non si perse nulla]. Prima di quest'evento molti avevano manifestato la loro titubanza ma, come nel caso della mostra fotografica, anche quest'iniziativa raccolse grande favore.
Nel 1986 infatti la festa venne replicata e godette anche dell'appoggio della federazione dei coltivatori.
L'anno seguente la "civiltà contadina" si spostò dalla piazza ai cortili. La rassegna, diventata ormai una tradizione estiva brinziese, nei primi anni '90 perse un po' l'aspetto della novità dal momento che gli oggetti esposti erano sempre gli stessi. Intanto, in molti paesi e città della provincia di Varese nascevano altre esposizioni di civiltà contadina.
A Brinzio allora, per dare un tocco di originalità alla festa si decise di invitare dei pittori ad esporre i loro quadri nei cortili fra trine e attrezzi agricoli. Si passò in tal modo dalla "civiltà contadina" a "Brinzio in cornice".
Un ulteriore sviluppo si è avuto però intorno al 1996-1997 quando ai pittori si sono aggiunte le performance degli artisti del teatro di strada.
Il successo riscosso negli anni da queste manifestazioni ha fatto sentire la necessità della realizzazione di un museo.
Alcuni brinziesi hanno presentato a Padre Giacomo questo progetto. Il missionario, prendendosi a cuore questo sogno, durante il consiglio comunale del 5/11/90, ha donato uno stabile, un terreno e la grà. In seguito a quest'atto sono giunte altre donazioni realizzate da persone provenienti da vari paesi del varesotto, consistenti in oggetti da esporre.
I lavori per la ristrutturazione dell'immobile destinato ad ospitare il museo sono partiti il 24/03 del 2004.